top of page

Brasile

Il Brasile più selvaggio, un viaggio nel nord-est.

l Brasile ti contagia, come una malattia, come una passione, una droga; sa insinuarsi lentamente con le sue bellezze naturalistiche, il suo patrimonio biologico, la sua cultura affascinante, i suoi colori, il suo popolo controverso e la sua musica, allegra e coinvolgente.

São Luís è stato il punto partenza per incontrare il Parco nazionale di Lencois Maranhenses, uno dei posti più belli mai visti in cui 55.000 ettari di dune dalla sabbia bianchissima, alte fino a 30 metri, si alternano a lagune cristalline di acqua dolce, creando un panorama primitivo di incomparabile suggestione.


La zona è soggetta a un fortissimo vento che spostando la sabbia crea le caratteristiche ed imponenti dune che possono arrivare anche ad un’altezza di 40 metri. In questa stagione secca, che trova il suo epicentro temporale grossomodo ad ottobre e novembre, la sabbia viene spinta fino a 48 km dalla costa: una caratteristica del parco è infatti la mutevole conformazione di quest’area sabbiosa che cambia aspetto anche più volte durante l’anno. Questo perpetuo movimento causato dalle correnti ventose fa sì che l’insieme delle dune ricordi un lenzuolo steso ad asciugare ed è proprio da questa concezione che deriva il nome di “Lençóis Maranhenses”.


Tornando poi verso Manaus, la porta per arrivare in Amazzonia, ci si immerge in un altro paradiso: la Foresta Amazzonica. Chi non ha mia sognato questo posto? Alberi giganteschi e i fiumi impetuosi, animali e tribù sono stati i protagonisti di questo viaggio così impegnativo quanto meraviglioso.

Gallery

bottom of page